Sardegna

Indagati, condannati, prescritti

Cagliari, uninominali Camera – Ugo Cappellacci (centrodestra)
Condannato in primo grado a 2 anni e 6 mesi per il crac Sept. Condannato in appello dalla Corte dei conti a 220mila euro per il licenziamento del capo ufficio stampa della Regione. Corre anche nel collegio proporzionale della Sardegna Centro-Sud nelle liste di Forza Italia

Olbia, uninominali Camera – Giuseppe Fasolino (centrodestra)
La sua indennità da sindaco di Golfo Aranci fu pignorata per i debiti contratti nel tempo (circa 55mila euro)

Cagliari, uninominali Camera – Luciano Uras (centrosinistra)
Imputato nel processo sui rimborsi della Regione Sardegna

Nuoro, uninominali Camera – Franco Sabatini (centrosinistra)
Imputato nel processo sui rimborsi della Regione Sardegna

Sassari, uninominali Camera – Silvio Lai (centrosinistra)
Imputato nel processo sui rimborsi della Regione Sardegna

Sardegna Nord, plurinominali Camera – Francesco Baule (Noi con l’Italia)
Condannato alla Corte dei Conti per i danni alla Regione con l’accusa di aver creato una società-doppione

Sardegna Sud, plurinominali Camera – Giorgio Oppi (Noi con l’Italia)
Imputato per l’inchiesta Igea (società della Regione) in cui sono contestati agli indagati a vario titolo truffa, peculato,turbativa e voto di scambio. Imputato nel processo sui rimborsi della Regione Sardegna

Collegio unico, plurinominali Senato – Mauro Contini (Noi con l’Italia)
Ex sindaco di Quartu Sant’Elena, imputato per gli abusi edilizi allo stadio Is Arenas

Voltagabbana

Sardegna Sud, plurinominali Camera – Paola Pinna (Pd)
Parlamentare eletta con il M5s, poi è passata a Scelta Civica e infine al Pd

 

INDIETRO

Elezioni – La guida per un voto consapevole: 146 tra indagati, condannati, prescritti (vince il centrodestra). 39 voltagabbana (vince il centrosinistra). Eccoli divisi per nome e per regione

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, Salvini: “Elsa lesbica in Frozen? Preparano mondo al contrario. Voglio intervenire prima”

prev
Articolo Successivo

Conti pubblici, l’analisi di Cottarelli su costi e coperture dei programmi dei partiti. E gli effetti sul debito

next