“Signor presidente, la rivoluzione è partita dal basso e in quanto a basso me ne intendo. Ascolti ancor di più le tantissime esperienze di eccellenza che abbiamo nella scuola: noi siamo pronti a migliorare questo Paese. La scuola è con lei, presidente”. Lo dice Salvatore Giuliano, il preside che il M5s propone come eventuale ministro della Scuola, a un evento del 2015 a Venaria. In prima fila in platea c’è l’allora presidente del Consiglio Matteo Renzi e Giuliano si rivolge a lui. Renzi pubblica il breve video, di 18 secondi, sul suo profilo Twitter. E domanda: “Il candidato ministro della Pubblica istruzione del Movimento 5 stelle smentirà anche se stesso?”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvatore Giuliano, ‘migliorare’ la Buona Scuola non vuol dire ‘smantellarla’. M5s cambia idea?

next
Articolo Successivo

Lady Etruria, a Bolzano la presentazione del libro di Davide Vecchi. Segui la diretta

next