Botta e risposta concitato a Dimartedì (La7) tra il leader della Lega, Matteo Salvini, e il giornalista di Repubblica, Massimo Giannini. Quest’ultimo legge un post che Salvini ha pubblicato qualche tempo fa sulla sua pagina Facebook, testo critico con papa Francesco sul tema migranti. E chiede: “Con quale credibilità si è presentato l’altro giorno in un comizio, agitando il Vangelo e il rosario? Non è stata una mossa elettorale per cercare di prendere un po’ di voti cattolici?”. Salvini risponde: “Non vedo l’ora di avere la fortuna di incontrare il Santo Padre, ma lo dico da ultimo dei cattolici, divorziato, peccatore che va a Messa due volte all’anno: avendo letto il Vangelo, voglio applicare da presidente del Consiglio due principi. Il primo è ‘gli ultimi saranno i primi’. Quindi, non esisteranno italiani di serie B, come esodati, terremotati, precari e cassintegrati. Il secondo principio” – continua – “è quello per cui l’immigrazione presupponga dei limiti e delle regole. Io voglio che i bambini possano nascere e avere un futuro in Kenia per il loro diritto e il mio diritto. Un bimbo che va a scuola in Kenia costa 70 centesimi al giorno e non viene sradicato. Quelli sono soldi ben spesi. Buttare via 35 euro per mettere in alberghi di mezza Italia ragazzotti di 20 anni che poi, per ringraziarti, spacciano o rubano non è esattamente quello che il Vangelo ci impone”. Giannini replica: “Il Vangelo dice anche: ‘ero straniero e mi avete accolto, ero forestiero e mi avete ospitato’. Non dice solo ‘beati gli ultimi perché saranno i primi’”. “Ma noi quanti milioni di immigrati possiamo illudere?” – ribatte il leader del Carroccio – “Io ho giurato fedeltà a 60 milioni di italiani, alla Costituzione che è inapplicata, al Vangelo perché ci credo”. “Lei oggi dice che al Vangelo ci crede” – controbatte Giannini – “ma è la prima volta che lo prende in mano, in tutti questi anni non lo ha mai fatto”. “Ho fatto catechismo, anche se qualche volta giocavo a calcetto”, replica Salvini. “Sì, va bene” – chiosa il giornalista – “Parliamoci chiaro: prendere il Vangelo in mano per recuperare qualche voto a pochi giorni dalle elezioni è un atto politicamente indecoroso”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni 2018, stavolta il Vaticano non si schiera. Ma c’è chi usa il rosario come arma elettorale

next
Articolo Successivo

La campagna elettorale ridotta ad un tweet. La Crusca boccia la lingua vuota dei politici

next