Reazioni contrariate del Pd e di Forza Italia alla presentazione della lista di una parte dei ministri da parte del candidato M5S alla presidenza del Consiglio, Luigi Di Maio, nel talk show politico Dimartedì. A esprimere il loro contrariamento al gesto del deputato uscente pentastellato sono i candidati alla Camera Luigi Marattin e Nunzia De Girolamo, rispettivamente del Pd e di Forza Italia, nel corso di Omnibus (La7). “Come per la maggior parte delle cose del M5S” – osserva Marattin – “non vale la pena perdere tempo sulla sceneggiata di quello che va al Quirinale, bussa, non viene ricevuto e poi manda la lista dei ministri via email. Insomma, Di Maio si commenta da solo. Il Pd ha una squadra di governo credibile, fatta per la maggior parte da ministri che sono stati già in campo, come Minniti, Calenda, Gentiloni, Franceschini, che hanno governato bene”. Interviene anche De Girolamo: “Di Maio ha problemi col congiuntivo, con la storia, con la geografia e anche con la Costituzione. Non può pensare che il presidente della Repubblica diventi un revisore dei conti prima del risultato elettorale. E’ una grande scortesia nei confronti di Mattarella”. Poi inciampa anche lei in un uso scorretto del congiuntivo: “Credo che dimostra (dimostri, ndr) l’assenza di senso dello Stato, delle istituzioni, di alcune regole che comunque occorrono in politica. Svilire la politica in questo modo, facendo la lista della spesa dei ministri, è uno show inutile”. E aggiunge: “Una forza politica seria non fa una cosa del genere in campagna elettorale, quando ancora non abbiamo il risultato. Poi ovviamente chi è affascinato da forze estreme, populiste, che vivono nei blog più che nella vita reale, ben venga”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Lorenzo Fioramonti, Pd e comunità ebraiche contro il ministro M5s: “Boicotta Israele”. Lui: “Strumentalizzazione”

next
Articolo Successivo

Elezioni 2018 viste dai media olandesi, se Amsterdam ha paura di perdere i cervelli in fuga

next