Reazioni contrariate del Pd e di Forza Italia alla presentazione della lista di una parte dei ministri da parte del candidato M5S alla presidenza del Consiglio, Luigi Di Maio, nel talk show politico Dimartedì. A esprimere il loro contrariamento al gesto del deputato uscente pentastellato sono i candidati alla Camera Luigi Marattin e Nunzia De Girolamo, rispettivamente del Pd e di Forza Italia, nel corso di Omnibus (La7). “Come per la maggior parte delle cose del M5S” – osserva Marattin – “non vale la pena perdere tempo sulla sceneggiata di quello che va al Quirinale, bussa, non viene ricevuto e poi manda la lista dei ministri via email. Insomma, Di Maio si commenta da solo. Il Pd ha una squadra di governo credibile, fatta per la maggior parte da ministri che sono stati già in campo, come Minniti, Calenda, Gentiloni, Franceschini, che hanno governato bene”. Interviene anche De Girolamo: “Di Maio ha problemi col congiuntivo, con la storia, con la geografia e anche con la Costituzione. Non può pensare che il presidente della Repubblica diventi un revisore dei conti prima del risultato elettorale. E’ una grande scortesia nei confronti di Mattarella”. Poi inciampa anche lei in un uso scorretto del congiuntivo: “Credo che dimostra (dimostri, ndr) l’assenza di senso dello Stato, delle istituzioni, di alcune regole che comunque occorrono in politica. Svilire la politica in questo modo, facendo la lista della spesa dei ministri, è uno show inutile”. E aggiunge: “Una forza politica seria non fa una cosa del genere in campagna elettorale, quando ancora non abbiamo il risultato. Poi ovviamente chi è affascinato da forze estreme, populiste, che vivono nei blog più che nella vita reale, ben venga”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lorenzo Fioramonti, Pd e comunità ebraiche contro il ministro M5s: “Boicotta Israele”. Lui: “Strumentalizzazione”

prev
Articolo Successivo

Elezioni 2018 viste dai media olandesi, se Amsterdam ha paura di perdere i cervelli in fuga

next