Scuole chiuse per maltempo a Roma. Lunedì gli alunni resteranno a casa per il rischio di neve e forti gelate. Lo ha comunicato l’amministrazione guidata da Virginia Raggi in base all’ultimo aggiornamento delle previsione fornite dalla Protezione Civile regionale, che confermano la possibilità che sulla Capitale nelle prossime ore nevichi e la temperatura scenda sotto lo zero termico, provocando gelate.

L’ordinanza sindacale riguarda le scuole di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido. Una seconda determina del Campidoglio ha portato alla chiusura anche di parchi, cimiteri e ville storiche che resteranno sbarrati fino a cessata allerta.

Verranno ridotti anche i bus circolanti: saranno circa 120 le linee che saranno attive in città sulle direttrici più strategiche. I mezzi circolanti sono quelli dotati di gomme termiche. La rete metro ferroviaria sarà invece regolarmente in funzione.

La sindaca Raggi – che si trova a Città del Messico per un vertice del C40 sul clima – a quanto si apprende è in costante contatto con il vicesindaco Luca Bergamo, gli assessori competenti in materia – Laura Baldassarre, Margherita Gatta, Linda Meleo, Pinuccia Montanari e Flavia Marzano – i vertici di Atac e la Protezione Civile per accertarsi che tutto sia organizzato nel migliore dei modi.

Secondo le previsioni dell’Aeronautica Militare, sulla Capitale nevicherà nel corso della notte, a partire dall’1, e fino a domattina alle 7, con temperature percepite che arriveranno a -10° a causa del vento che soffierà a 20 chilometri orari con raffiche che dovrebbero raggiungere i 47 km/h. Proprio per affrontare l’emergenza freddo per i senzatetto è stata decisa l’apertura notturna delle stazioni Termini e Tiburtina, come richiesto negli scorsi giorni dall’amministrazione e approvato dal gruppo Fs.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Burian, arriva il forte vento siberiano: a Venezia abbatte un pilone sul Ponte della Libertà, a Trieste Bora oltre i 130Km/h

next
Articolo Successivo

Palermo, Vittorio Brumotti e troupe di Striscia la Notizia aggrediti allo Zen: spari sull’auto

next