Si stavano giocando la fase interregionale del campionato Under 18 di basket maschile. Una sarebbe finita nel girone che si disputerà in Toscana, l’altra in Campania. Forse per giocare più vicino a casa o forse perché giudicavano un gruppo più semplice dell’altro, Aurora Brindisi e Valle d’Itria Basket Martina Franca hanno giocato a perdere. “Una vergogna, ho attivato la procura federale”, dice il presidente della Fip Gianni Petrucci al Ilfattoquotidiano.it.

Che dovrà mettere nero su bianco quanto immortalato da un video che sta rimbalzando sui social network generando migliaia di commenti di disgusto. Gli arbitri hanno sospeso la partita e  Petrucci in mattinata ha sollecitato l’intervento della procura sportiva “per verificare eventuali violazioni regolamentari”. I 2 minuti di filmato realizzato da uno spettatore sono sconcertanti. Autocanestri, tiri liberi di fatto non tirati, possessi volutamente persi. “Prima un giocatore ha anche tirato un calcio al pallone, spingendo l’arbitro a interrompere la gara”, commenta chi ha girato il video.

Aurora Brindisi e Martina Franca avevano chiuso la prima fase del campionato Under 18 Eccellenza, quello in cui si sfidano le squadre più forti, in quarta e quinta posizione alle spalle di Cus Bari, Virtus Foggia e Happy Casa Brindisi. Bari ha quindi guadagnato la qualificazione diretta, mentre Aurora e Martina avevano poi battuto la seconda e la terza in classifica nel primo spareggio. E giovedì erano arrivate a giocarsi la qualificazione per l’ultima fase prima delle Finali nazionali.

Ma hanno di fatto deciso di non farlo. In maniera così smaccata da provocare la reazione feroce di migliaia di utenti dei social appassionati di basket che ora chiedono punizioni esemplari per le società e gli allenatori. Il presidente federale Petrucci, interpellato da ilfattoquotidiano.it, spiega: “C’è un intervento della procura federale, organo autonomo, e stabilirà secondo le norme. Le immagini, comunque, sono molto chiare. Lo dico chiaro e tondo: è un vergogna”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, Sarri epico: “Ci sono squadre che segnano un periodo. Siamo come l’Olanda anni ’70”

prev
Articolo Successivo

Italia-Olanda 80-62, terza vittoria consecutiva per il basket azzurro nelle qualificazioni per i mondiali 2019

next