In circa 300 ieri hanno partecipato al presidio antifascista indetto da Potere al Popolo a Perugia, in piazza IV novembre, per esprimere solidarietà nei confronti dei due militanti del movimento aggrediti e feriti mentre affiggevano manifesti elettorali a Ponte Felcino, nella periferia del capoluogo umbro. “I mandanti sono le istituzioni democratiche e il ministro dell’Interno, che dovrebbero vigilare sul rispetto della Costituzione e sciogliere le istituzioni neofasciste – è stato detto negli interventi – ma soprattutto impedire loro di partecipare alle elezioni che sono il momento più alto della democrazia. Non vogliamo aspettare la prossima aggressione”. A sollevare polemiche è stata anche la mancata presa di posizione del sindaco della città, Andrea Romizi: “È grave che il primo cittadino e le istituzioni regionali non si siano espresse, auspichiamo di vederle in piazza”. Il mondo della sinistra umbra ha infatti annunciato una grande manifestazione antifascista per domenica: “Il fascismo è il contrario della democrazia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Amnesty: “Italia intrisa d’odio e razzismo. 95% delle frasi xenofobe dal centrodestra”. Salvini in vetta, Meloni 2a

next
Articolo Successivo

Elezioni, Bindi: “La lotta alla mafia rimossa dalla campagna elettorale. Fanno comodo i suoi voti”

next