A Che Fuori Tempo che Fa di Fabio Fazio su Rai 1, Red Canzian commenta lo scioglimento dei Pooh,  band storica di cui ha fatto parte per molti anni: “E’ finita una storia bellissima, ma non finisce la musica. Ognuno di noi ha cominciato a fare questo mestiere perché voleva  farlo e questa voglia  continuerà sempre”,  per poi lasciarsi andare ai ricordi sui suoi esordi legati al padre:  “Mio papà mi regalò la prima chitarra che era acustica, e non elettrica come avrei voluto, perché non poteva permettersela. Più tardi  scoprii che la pagò 5 mila lire, ma chiese se poteva pagarla a rate.” E ancora: “Quando già ero nei Pooh, mio padre, che era molto orgoglioso del fatto che fossi geometra, mi fece dei bigliettini da visita che riportavano quella qualifica. L’ho trovato un gesto così bello che non sono riuscito a dirgli: ‘ papà, cosa faccio con questi?’, per cui li ho messi via dicendogli che erano molto belli.”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

The Cranberries, nuovo album: “Era il desiderio di Dolores O’Riordan. Lei aveva già registrato le tracce”

next
Articolo Successivo

Crozza a Che fuori tempo che fa: “La nevicata di Roma? Mi domando come possano esserci forme di vita in Trentino”

next