“Mi sono incatenato per tutti i miei compagni, vogliamo solo tornare a lavorare”. Sono queste le parole di Daniele Simoni, da 25 anni operaio all’Embraco, che questa mattina si è legato ai cancelli della fabbrica durante lo sciopero indetto dai sindacati contro la chiusura dello stabilimento di Riva di Chieri, in provincia di Torino.  “Non voglio mollare, è la mia fabbrica che mi ha dato da mangiare per 25 anni, finché c’è uno spiraglio non mollerò” spiega l’operaio.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Embraco, Calenda a Bruxelles: “Non molliamo. Chieste verifiche a Ue”. Lavoratori in presidio: operaio si incatena

next
Articolo Successivo

Boldrini contro ‘i manager che guadagnano centinaia di volte più degli operai’. Ma sbaglia

next