In questa campagna elettorale “c’è la fantapolitica sulle coalizioni più improbabili, a me sembra che ci sono solo due governi possibili: uno europeista e federalista e uno nazionalista. Noi appoggeremo il primo, con un obiettivo economico e monetario, e saremo all’opposizione del secondo”.

Lo ha spiegato Emma Bonino, fondatrice e leader di +Europa, nel corso della presentazione a Milano dei candidati a Camera, Senato e regionali in Lombardia, rispondendo ai giornalisti che le hanno chiesto come vede un governo Gentiloni bis.

“Come saranno formati i governi dipende dagli elettori e non dai sondaggisti. Trovo sbagliata questa idea che qualunque cosa si voti ci sono già scenari sul futuro – ha aggiunto – . Se continua a passare l’idea che tanto è già tutto deciso non facciamo una buona azione di stimolo perché le persone vadano a votare, anzi così il 4 marzo andranno in montagna”. Emma Bonino ha replicato, infine, a Roberto Speranza e Giuseppe Civati di LeU che hanno detto come un voto a +Europa è un passo avanti verso le larghe intese. “Se pensano che la mia sia un’apertura a Berlusconi lo facciano pure – ha concluso – ma io non ho detto nulla di questo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, candidato al Senato con Fdi a processo: “Diffamò una donna. Le diceva di essere stata mandata dal diavolo”

next
Articolo Successivo

Elezioni, c’è il candidato di Casapound in studio: l’esponente di Potere al popolo abbandona la trasmissione in diretta tv

next