“Il nostro candidato presidente del Consiglio? Abbiamo una graduatoria con 52 nomi, dai più titolati, come Tajani, ai più giovani, come Carfagna e Gelmini. Poi ci sono anche Brunetta e Romani”. Lo rivela ai microfoni di Ecg Regione (Radio Cusano Campus) il senatore uscente di Forza Italia, Maurizio Gasparri, che aggiunge: “Lo dico perché l’attuale presidente del Consiglio si classificò terzo alle primarie del Pd a Roma nel 2013. Noi le persone come Gentiloni le abbiamo catalogate e sono, appunto, 52″. Durissimo attacco del parlamentare al M5s: “Purtroppo i 5 Stelle non stanno perdendo il consenso che meriterebbero di perdere, tra massoni, imbroglioni e questo De Falco. Sono insomma una congrega occasionale. Poi vedrete quello che gli farò io in Aula se sarò rieletto. Loro fanno la rendicontazione delle spese sostenute e al 90% quella documentazione è falsa. E in Aula leggeremo voce per voce gli alberghi della Taverna, i pranzi di quell’altro, l’aggiornamento professionale da 136mila euro di Ciampolillo“. E chiosa: “I 5 Stelle si preparino. Alcuni dei miei collaboratori hanno preparato dei dati. Per il M5s il ritorno al Senato sarà un calvario. Li umilieremo davanti all’Italia. Si dovranno vergognare e uscire dall’Aula per la vergogna”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, valanga di insulti su Di Maio e gli elettori M5S. La strategia social di Sgarbi: “Scorreggia malcagata”

prev
Articolo Successivo

Sala con la Boldrini: “Chiudere gruppi e movimenti fascisti”. De Magistris: “Chi aspettano Minniti e il governo?”

next