“Il caso sulle restituzioni? Alla fine ci favorirà. Ora tutti, anche il panettiere qui all’angolo, sanno che i nostri si tagliano gli stipendi e restituiscono soldi che gli altri si tengono in tasca”. Parola di Beppe Grillo che in questo modo si rivolge ai suoi, a Roma. Mentre continua la corsa contro il tempo dello staff e dei vertici M5s per trovare chi ha mentito sui rimborsi al fondo per il Microcredito, infatti, spuntano i primi nomi.

È il gruppo comunicazione del Movimento 5 stelle a farli con una nota pubblicata su Facebook: “Stiamo procedendo con i controlli”, si legge, “per mettere fuori dalla porta quelli che non hanno donato tutto quello che avrebbero dovuto. Ad ora sono emerse irregolarità da parte di queste persone: Andrea Cecconi, Carlo Martelli, Maurizio Buccarella, Ivan Della Valle, Emanuele Cozzolino. A ognuno di questi è stato chiesto di provvedere immediatamente a versare quanto dovuto. Domani pubblicheremo ulteriori dati”.

Già in serata, però, arrivano nuovi nomi. A farli è la trasmissione che ha fatto scoppiare il caso, cioè Le Iene, che sul suo sito web pubblica un elenco con i nominativi di dieci parlamentari: oltre a quelli indicati dal M5s, ci sono Silvia Benedetti, Massimiliano Bernini, Elisa BulgarelliBarbara Lezzi e Giulia Sarti. Sono, “secondo la fonte delle Iene” i “primi 10 nomi” dei parlamentari che avrebbero “falsificato le restituzioni di parte degli stipendi al Fondo per il microcredito”.  Sono sette i nuovi nomi emersi: il deputato laziale Bernini, che non si è ricandidato, e il piemontese  Ivan Della Valle anche lui non ricandidabile visto che era al secondo mandato, e che ha annunciato di voler lasciare il Movimento. “Ho sbagliato e ho deluso tutti – scrive su facebook – colleghi, amici, collaboratori, gli attivisti che mi hanno sempre sostenuto. Non mi soffermo sui problemi finanziari e personali che mi hanno portato a tutto questo, non sono scusanti”.

Sono nuovamente in lista, invece, la veneta Silvia Benedetti, e la romagnola Sarti e l’emiliana Bulgarelli. E poi il toscano (ma candidato in Veneto) Emanuele Cozzolino che su facebook scrive: “Sono pronto a fare un passo indietro, se mi verrà chiesto, nell’interesse del Movimento 5 Stelle, i cui obiettivi continuo a condividere e per cui sempre mi batterò”. Il parlamentare, a proposito del suo caso, parla di “errore in buonafede” e spiega: “Confermo anche che nel 2014, a fronte di problemi personali, ho mancato di versare circa 13.000 euro, tra le altre cose una parte di questi sono anche rimasti fermi sul conto stesso che utilizzo per fare le movimentazioni. Avevo intenzione di colmare questi versamenti successivamente ed entro il termine del mio mandato. Ho utilizzato una parte dei soldi che erano in mia piena disponibilità in un momento di difficoltà personale, forse con leggerezza ma con vera intenzione di restituirli”.

Oltre a loro naturalmente Cecconi e Martelli, da cui è partito il caso rimborsi, e confermato anche il senatore Maurizio Buccarella che si era invece autosospeso nelle scorse ore. E poi Barbara Lezzi, messa sotto accusa nelle scorse ore, ha riconosciuto di aver avuto un bonifico da 3500 euro non andato a buon fine e ha provveduto oggi a ripagarlo. I probiviri si esprimeranno anche sul suo caso, anche se i vertici hanno fatto intendere che non ci saranno sanzioni.

“Io sono molto incazzato. Sono incazzato di girare l’Italia e di dover parlare di questo e non delle nostre proposte politiche. Ma posso essere incazzato io, io che ho restituito i soldi, non certo le sanguisughe degli altri partiti che devono tacere”, ha detto Alessandro Di Battista a Di Martedì. “Non abbiamo potuto controllare – ha aggiunto il deputato uscente – perché siamo incredibilmente onesti: non volevamo che quei soldi delle restituzioni transitassero attraverso un fondo intermedio del M5s. Ma il prossimo giro lo faremo: abbiamo trovato la soluzione”.
“Alcuni portavoce hanno violato le nostre regole e non hanno donato tutto quello che avrebbero dovuto. Un tradimento dei nostri principi e della fiducia dei nostri iscritti”, ha scritto oggi su facebook Luigi Di Maio dopo aver incontrato l’inviato delle Iene, Filippo Roma, al quale ha mostrato le copie dei suoi bonifici dall’inizio della legislatura.

Secondo le ultime ricostruzioni, alla cifra che risulta versata al Mise vanno tolti: 530mila versati dai consiglieri regionali; 606mila dei parlamentari europei; 265mila degli ex parlamentari espulsi e che hanno continuato a versare (145 mila di Giuseppe Vacciano, 80mila di Christian Iannuzzi e Sergio Simeone, 20mila di Riccardo Nuti, 20mila di Giulia Di Vita).  Dopo aver confrontato quanto dichiarato dal M5s e quanto effettivamente dichiarato dal Mise, mancano dunque 1 milione e 400 mila euro. Nel frattempo resta ancora da chiarire il motivo per cui David Borrelli, responsabile dell’associazione Rousseau ed europarlamentare M5s vicinissimo a Davide Casaleggio, ha lasciato l’Effd, il gruppo a Bruxelles al quale aderiscono i pentastellati.