Arriva l’estate romana. Ma nella storica piazza di San Cosimato a Trastevere non ci sarà più il maxischermo dei ragazzi del Cinema America: in polemica con l’amministrazione comunale di Virginia Raggi e in particolare col vicesindaco Luca Bergamo, l’associazione ha deciso di non partecipare al bando pubblico (a cui pure era stata invitata) per la tradizionale rassegna estiva della Capitale: le loro arene si trasferiranno a Tor Sapienza, Ostia e Valle Aurelia. Anche perché il bando contiene una piccola clausola che non è andata giù a Valerio Carocci (uno dei leader del gruppo) e compagni: il divieto di critica nei confronti del Comune (e quindi di chi lo guida). Una sorta di “censura” – questa la lettura dell’associazione – imposta dalla giunta, anche se va detto che lo scorso anno il Festival ha ricevuto 50mila euro di contributi dal governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, per fare pubblicità alla sua Regione a guida Pd.

Annunciato da settimane, il Comune ha pubblicato il bando per l’Estate romana 2018: 500mila euro per decine di eventi. Una rassegna che esiste da oltre 40 anni, cui l’amministrazione Raggi ha deciso di dare programmazione triennale (totale 1,5 milioni di euro), per valorizzare i progetti. Nel 2017 c’erano stati diversi ritardi e problemi, quest’anno si parte con un mese di anticipo. La prima polemica, però, è già servita e riguarda San Cosimato. Il Piccolo America è uno storico ex cinema della Capitale che nel 2012 fu occupato da un gruppo di ragazzi contrari alla sua demolizione: di lì è nata l’associazione che ha promosso la riscoperta della cultura cinematografica nel quartiere, tra dibattiti e proiezioni, compresa l’arena estiva a ingresso gratuito. L’iniziativa ha riscosso notevole successo (80mila spettatori nel 2017), riuscendo a riqualificare l’area e riscuotendo il sostegno di grandi nomi del mondo dello spettacolo, salvo poi trasformarsi in un vero e proprio caso in vista della prossima edizione.

Fino all’anno scorso, la piazza era stata concessa con una deliberazione diretta dal Comune, in virtù “dell’interesse primario”. A fine 2017, però, il vicesindaco Bergamo ha annunciato di voler metterla a gara, inserendola nel bando dell’Estate romana. “Non abbiamo nulla contro di loro. Noi diciamo solo che per godere di particolari condizioni bisogna seguire le regole che valgono per tutti, anche se si è bravi. Bravi, anche bravissimi, ma non ‘unici’ nel senso che definisce la legge quando consente di bypassare i bandi per affidare direttamente”, aveva spiegato su Facebook il vicesindaco, invitando i ragazzi a partecipare alla gara.

L’invito, però, è caduto nel vuoto. Anche perché nel bando è presente una clausola giudicata irricevibile: nell’allegato 2, i partecipanti si impegnano a “evitare comportamenti e dichiarazioni pubbliche che possano nuocere agli interessi ed all’immagine di Roma Capitale, dei dipendenti e degli amministratori”. Praticamente un “divieto di critica” che il M5s ha introdotto da quando è al governo della Capitale: già presente nel 2017, di questa condizione non si trova traccia nelle precedenti edizioni. “San Cosimato la lasciamo ai giochi politici da campagna elettorale di chi ce l’ha voluta sottrarre proprio a 20 giorni dall’elezioni”, scrive Carocci (che negli scorsi giorni ha anche annunciato querela per diffamazione nei confronti del vicesindaco Bergamo). L’associazione, del resto, ha spesso denunciato di sentirsi discriminata dall’amministrazione a 5 stelle per motivi politici. Pronta la replica di Bergamo: “Prendo atto della loro decisione e continuo a non condividerne le ragioni. Le norme che loro citano sono previste dal ‘Protocollo di integrità’ introdotto nel 2015, parlano della condotta da tenere durante la procedura e non delle attività”. L’unica cosa certa è che la prossima estate non ci saranno film in piazza a Trastevere: per vedere buon cinema all’aperto sarà necessario andare in periferia.

Twitter: @lVendemiale