Nelle immagini catturate da una telecamera di video-sorveglianza il momento dello schianto dell’aereo costato la vita a 71 persone. Il comandante dell’AN-148 della Saratov Airlines precipitato ieri alle porte di Mosca ha rifiutato la procedura di ‘de-iceing’ prima del decollo giudicando che le condizioni meteorologiche non erano tali da renderla necessaria. Lo fa sapere Meduza sottolineando ad ogni modo che tutte le procedure standard prima della partenza del volo sono state effettuate dal personale di terra. La testata, che cita diversi esperti di aviazione, nota come il velivolo Antonov An-148 possiede un sistema autonomo di riscaldamento del corpo esterno dell’aereo e che il jet non sarebbe stato in grado di raggiungere la quota di 1800 metri di altezza in presenza di ghiaccio sulle ali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Israele, ‘Ahed Tamimi va liberata’. L’appello di Amnesty per il rilascio della 17enne palestinese

next
Articolo Successivo

Scandalo Oxfam, si dimette la numero 2 della ong: “Mi vergogno”. Commissione Ue: “Tolleranza zero o tagliamo i fondi”

next