“Grazie all’opera di intermediazione svolta da Dell’Utri, veniva raggiunto un accordo che prevedeva la corresponsione, da parte di Silvio Berlusconi, di rilevanti somme di denaro in cambio della protezione a lui accordata da parte di ‘cosa nostra’”. E’ il testo della sentenza della prima sezione penale della Cassazione, la numero 28225 del 9 maggio 2014, letta da Alessandro Di Battista insieme ai sostenitori del Movimento 5 Stelle durante il comizio di questa sera ad Arcore. Il coro di voci a pochi passi dalla residenza del leader di Forza Italia, che ha promesso di querelare Di Battista per aver detto, durante il comizio in piazza che “in un paese normale Berlusconi dovrebbe stare in galera” (guarda il video)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni, Di Stefano (Casapound): “Possibile appoggio esterno a governo di centrodestra con Salvini premier”

prev
Articolo Successivo

Di Battista: ‘Berlusconi ha pagato la mafia. Dovrebbe stare in carcere’. L’ex premier lo querela per aver detto la verità

next