Grande coalizione? C’è già, è quella tra la Lega e i Cinque Stelle“. “Falso, è quella che si è formata attorno alla legge elettorale“. Botte e risposta a distanza di luogo e tempo tra Matteo Renzi e Luigi Di Maio. Il tema, neanche a dirlo, è quello dei possibili sviluppi politici dopo il voto del 4 marzo, specie se nessuna coalizione avrà i numeri per governare. La vulgata vede nell’intesa tra Pd e centrodestra un possibile sviluppo logico, ma l’ipotesi è rimandata al mittente dal segretario dei dem, che inaugurando la sua campagna elettorale da Scandicci ha spostato l’attenzione sui punti di contatto tra Carroccio e pentastellati. “C’è già una grande coalizione pronta, è quella tra la Lega e i Cinque Stelle – ha detto l’ex sindaco di Firenze – Hanno le stesse idee su tutto, come sui vaccini“.

A distanza di 24 ore è arrivata la replica del candidato premier del Movimento 5 stelle, in Sardegna per la campagna elettorale. La larga coalizione è quella che si è formata attorno alla legge elettorale” ha detto Di Maio, che successivamente ha motivato la sua presa di posizione. “Lega, Pd e Forza Italia si sono votati la legge elettorale per mettersi assieme il giorno dopo le elezioni, ma – ha aggiunto il capo politico del M5S – la novità è che Forza Italia e Lega non hanno il 51%, e che Pd è Forza Italia non hanno il 51%”. Questa proiezione di risultati, a detta del candidato premier del Movimento 5 Stelle, non potrà avere che una conseguenza: la richiesta di aiuto al M5s per formare un governo degno di tal nome. Un’istanza che, ha assicurato, sarà rispedita al mittente: “Dovranno avere a che fare con noi per riuscire a fare un Governo, dovranno chiedere a noi. Ma noi – ha concluso Di Maio -non faremo scambi di poltrone“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, Grasso vs Pd: “C’è chi si prepara a governare con la destra, noi no. Referendum post-voto? No, abbiamo i delegati”

next
Articolo Successivo

Elezioni 2018, Di Maio fa la lista di condannati, imputati e indagati dal Pd a Forza Italia: “Via gli impresentabili”

next