Il Patto del Nazareno ci aveva abituati alla larghe intese tra centrosinistra e centrodestra, ma alle prossime elezioni chi una volta militava con Forza Italia ora viene candidato dal Pd di Matteo Renzi. Che ieri sera dopo una notte passata a litigare sulla composizione dei collegi ha dichiarato di essere convinto di aver messo in campo la miglior squadra possibile. Tra gli ex azzurri che vestiranno, se saranno eletti, la pettorina dem al momento vengono segnalati due casi: Guido Viceconte e Paolo Alli.

Già senatore di Ap, del Pdl e prima ancora di Fi Viceconte, 69 anni (nella foto), è un veterano della politica, eletto per la prima volta nel 2001 con gli azzurri di Berlusconi. Ma l’ex europarlamentare azzurro e più volte sottosegretario nei governi dell’ex Cavaliere, è il candidato del centrosinistra nel collegio uninominale Camera di Potenza. Componente di diverse commissioni a fine legislatura era stato autore di un emendamento – poi saltato – per stendere il rito sommario a tutte le cause di competenza del giudice unico, che rappresentano la maggior parte delle controversie civili. Una proposta che avrebbe incassato l’ok del Guardasigilli Andrea Orlando. Nell’altro collegio, quello di Matera, il Pd ha candidato la giornalista Francesca Barra.

Quello di Viceconte però non è l’unico caso di cambio di squadra: il nome Paolo Alli, 67 annni, ex sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia dell’era Formigoni e imputato per tentato abuso d’ufficio nel cosidetto processo Guarischi, è inserito nella lista dei collegi uninominali per Palazzo Madama per la città di Mantova. Nel marzo 2013 era stato eletto alla Camera dei Deputati nel collegio Lombardia 3 (Pavia, Lodi, Cremona, Mantova) nelle liste del Popolo della Libertà. Dopo lo scioglimento del Pdl ha aderito al Nuovo Centrodestra presieduto da Angelino Alfano. Componente  della Commissione Affari Esteri, della Commissione Politiche dell’Unione Europea e della Commissione Bicamerale per l’Attuazione del Federalismo Fiscale, in passato è stato componente del cda di Expo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, aggressione al gazebo di Fratelli d’Italia. Una donna scende dall’auto e urina sui manifesti

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Grasso: “Il Pd perde perché ha cambiato volto. Spetta a noi tenere alti i valori di sinistra”

next