“Negli ultimi tre anni in Egitto sono scomparse 5.500 persone, anche sette/otto al giorno”. Al presidio davanti all’Ambasciata egiziana a Roma ieri i Giuristi Democratici hanno dedicato la Giornata dell’avvocato minacciato “alle colleghe e ai colleghi egiziani che subiscono una grave repressione da parte del regime di Sisi”.

Il 60% delle persone scomparse, spiega l’avvocato Ezio Menzione, “ritorna come imputato in processi, il 35% non torna affatto, scompare del tutto. Il restante 5% torna come cadavere”. E il caso di Giulio Regeni, di cui oggi ricorrono i due anni dalla scomparsa e per cui l’Egitto “non ha alcuna intenzione di collaborare”, “è solo la punta dell’iceberg di una realtà che noi non possiamo nemmeno immaginare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, treno deragliato a Pioltello: il soccorso ai feriti sul luogo del disastro

next
Articolo Successivo

Julian Assange, salute in “pericolo”. Il presidente ecuadoriano: “E’ come avere un sassolino nella scarpa”

next