“C’è tempo fino a lunedì, e visto che non mi ha chiamato nessuno io spero ancora che qualcuno possa aver apprezzato il mio lavoro e il mio essere sempre in mezzo alla gente e tra i giovani. Senza regali o regalini”.  Così il senatore uscente di Forza Italia Antonio Razzi. “Certo, quando ho saputo tramite la stampa della non ricandidatura ho pensato a una bufala: tra uomini che valgono ci si parla prima di far sapere certe cose dai giornali. Bastava dire “hai lavorato male” o “non ho posto per te”. Cosa farò? Boh, se lo chiede anche mia moglie. I miei figli sono all’estero, e lei è preoccupata perché mi ha visto sempre attivo e impegnato. Comunque aspetto la valutazione finale degli esperti del mio partito: spero che facciano davvero gli esperti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni, Tommasi (Fi): “Di Maio? Sentirlo parlare fa passare la voglia di vivere”. Battibecco con Stefano Feltri

prev
Articolo Successivo

Elezioni, in Sardegna sono accusati di peculato ma il Pd vuole candidarli

next