“Alleanza con M5s? Quello è un tema parlamentare che riguarda il post-voto. Riguardo al dialogo, si parla con tutti. Ma fare alleanze è un altro discorso”. Sono le parole pronunciate ai microfoni di 24 Mattino (Radio24) da Pierluigi Bersani, esponente di Liberi e Uguali, che sottolinea: “Un governo con Di Maio presidente del Consiglio e io ministro? Lo vedo piuttosto difficile per due motivi. Innanzitutto, credo che non sarà facile smontare questo solipsismo dei 5 Stelle, anche se vedo queste preofferte e tattiche da parte loro. Hanno predicato per anni questa solitudine, mettendo in moto un’aspettativa negli elettori su questo punto. In secondo luogo” – continua – “non mi suonano alcune cose: il M5s ha un antifascismo troppo tiepido. E sui temi dell’immigrazione e del fisco mi sembrano troppo accomodanti verso certe ipotesi che io non condivido e che vengono dalla destra. Io comunque sono disponibilissimo a parlare coi 5 Stelle per capire dove vogliono andare, perché non possono arrivare al 28% e non portarlo ogni volta da nessuna parte per altri 5 anni. Questo è un problema mica solo loro, ma anche dell’Italia”. Bersani reagisce con una risata alla notizia della candidatura di Pier Ferdinando Casini, ex leader dell’Udc, nel collegio uninominale di Bologna e si sofferma sui rapporti col Pd: “La rottura non è avvenuta tra gruppi dirigenti, ma purtroppo nel profondo del nostro elettorato. In nove casi su dieci, i voti che prendiamo noi di LeU sono di persone che non voterebbero mai Pd e che, in gran parte, starebbero a casa o voterebbero M5s o perfino la Lega. Succedono queste cose, basti pensare a Trump che ha vinto con le Tute Blu. Bisogna sapere che c’è un pezzo di mondo in disagio, dove se non ci va la sinistra ci va la destra prima o poi. Abbiamo questa funzione”. E aggiunge: “In politica contano i rapporti di forza. Vedremo quanti “carri armati” abbiamo noi e quanti il Pd e poi si discuterà e metteremo l’orecchio a terra. Può darsi che ci svegliamo con un Pd che non è neanche disposto a correggere e che continuerà a dire che tutto è stato fatto bene, ma il nostro popolo non accetterà mai un discorso di questo genere. A quel punto” – prosegue – “il Pd andrà dove lo porterà il cuore. Se il Pd vuole andare a destra, parlerà con Berlusconi, noi non ci andiamo a destra. Ammucchiandosi tutti si lascia spazio a formazioni anti-sistema e il sistema deve respirare sul piano democratico”. Battuta finale sulla legge Fornero: “Sento chi dice che va tolta. Ma non facciamo ridere, va corretta”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, Agcom richiama 5 emittenti: su La7 e Sky troppo spazio a M5s e Lega; su Rainews a Leu e su Mediaset a Fi

next
Articolo Successivo

Rivoluzione cristiana, 50 candidate per Berlusconi: “Le donne fermeranno il M5s come la Dc fermò i comunisti”

next