Dodici cammelli sono stati squalificati da un concorso annuale di bellezza in Arabia saudita per essere stati sottoposti a iniezioni di botox nelle labbra. È successo all’annuale King Abdulaziz Camel Festival, in corso dal primo gennaio vicino a Riyad, come riportano diversi media arabi e internazionali. Gli animali sono stati espulsi per aver violato le rigide regole della competizione. Il concorso dura 28 giorni, coinvolge circa 30mila cammelli ed è particolarmente sentito nel paese. I premi in denaro infatti ammontano a 57 milioni di dollari. La pressione a imbrogliare, argomentano alcuni media, può quindi essere molto forte per i partecipanti.

Oltre alle iniezioni di botox, alcuni proprietari hanno sottoposto gli animali ad altri trattamenti vietati dal regolamento come rasature in alcune parti del corpo, tinte e perfino interventi di chirurgia estetica alle orecchie. La pratica delle iniezioni invece ha lo scopo di rispettare alcuni dei canoni estetici del perfetto cammello. Oltre all’altezza, alla forma e al posizionamento della gobba, sono fondamentali anche le labbra carnose.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuovo amore per Elisabetta Gregoraci? L’indiscrezione del settimanale Chi

next
Articolo Successivo

Molestie sessuali, da Woody Allen agli Oscar il deprecabile moralismo del cinema Usa

next