Professoressa universitaria, dottorato di ricerca in e-learning, Enrica Sabatini è uno dei volti in ascesa del Movimento 5 stelle. Pescarese di 35 anni, consigliera comunale del città abruzzese premiata come uno dei sette migliori amministratori locali dalla classifica che l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ha stilato a conclusione del corso Corso di formazione specialistica in Amministrazione Municipale – ForSAM 2016. Non ultimo, ideatrice degli ‘Open Day Rousseau‘ per cui sta girando l’Italia: “Ho voluto mettere le mie competenze al servizio del Movimento 5 Stelle”, afferma mentre fa gli onori di casa al ‘Villaggio Rousseau‘ in corso a Pescara fino a domenica 21 gennaio. “Astro nascente del M5S? Sicuramente ha organizzato un bellissimo evento”, sorride al suo arrivo Davede Casaleggio, che scelse proprio la Sabatini per presentare la piattaforma in un tour di due settimane in Brasile. La professoressa Sabatini però – a proposito della presunta valorizzazione della competenza – non potrà sedere in Parlamento, o meglio non potrà candidarsi alle prossime Politiche. “Sto portando avanti il mio mandato di consigliera a Pescara”. L’organizzatrice della tre giorni accetta l’ironia di chi evidenzia delle analogie con l’organizzatrice delle prime ‘Leopolde’ renziane, l’ultima sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi. Ma si smarca: “Il fatto di appartenere al genere femmininile non può essere l’unica categoria da utilizzare. Noi stiamo costruendo il sogno della Camelot di Gianroberto Casaleggio. Il nostro obiettivo è valorizzare le competenze delle persone e creare una rete per chi intende cambiare il proprio Paese. Quindi nessun parallelo con la Boschi, anche se – rivela la Sabatini – paradossalmente mio padre è un bancario, ma non un banchiere. Per me quello che conta è la mia storia personale e nel Movimento ho trovato il mio spazio”, conclude. Quanto ai problemi legati alle parlamentarie cinquestelle: “L’innovazione ha bisogno di tempo e di sviluppo costante. L’alta partecipazione ha creato qualche coda virtuale, ma lavoreremo sempre di più per un miglioramento costante che è il nostro scopo principale”