Le due Coree sfileranno insieme sotto la bandiera della Corea unita alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali di PyeongChang: è uno degli accordi raggiunti, in base a una nota congiunta, nell’incontro tenuto oggi a Panmunjom tra le delegazioni di Nord e Sud. Via libera anche all’unica squadra nel torneo di hockey femminile.

Il Regno Unito ha accolto con favore la tregua concordata fra i due coinquilini del 38° parallelo in vista dei Giochi, ma sottolinea che il vero obiettivo resta la fine del “programma nucleare illegale” di Pyongyang e torna a condannare “i 20 test” nordcoreani condotti nell’ultimo anno inclusi “i 2 missili volati sopra il Giappone”.

Lo si legge in una dichiarazione del ministro degli Esteri, Boris Johnson, diffusa oggi dal Foreign Office. “E’ grandioso che vi siano stati colloqui” fra Pyongyang e Seul, scrive Johnson, ed “è grandioso che vi sia una tregua olimpica“. Ma allo stesso tempo l’opinione pubblica non deve dimenticare che “la Corea del Nord e Kim Jong-un” stanno “continuando a portare avanti il loro programma illegale”, aggiunge il ministro britannico definendo “molto importante e incoraggiante che il mondo non si sia fatto intimidire o dividere dalla minaccia nordcoreana”.

Johnson nota poi come la risoluzione 2397 dell’Onu abbia “intensificato la pressione politica e economica sul regime” e come Kim abbia ora di fronte due strade: “Proseguire sul cammino delle provocazioni e dotare il suo paese di testate nucleari che condurranno a un’ulteriore escalation e a maggiori sofferenze per il suo popolo, o scegliere la strada di un maggiore benessere per il suo popolo e cogliere l’opportunità di emulare gli sbalorditivi progressi della Corea del Sud”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Italia non va in Niger solo per arginare il flusso dei migranti

next