“Mi è stato chiesto, in modo diretto o indiretto, di candidarmi nel M5s e in Liberi e Uguali. Ho deciso di no, perché sarei un pessimo politico e mi diverto da morire a fare quello che faccio. E poi, a livello caratteriale, sono uno che litiga benissimo con se stesso, figuriamoci se io potessi sopportare le regole dall’alto”. Sono le parole pronunciate a Otto e Mezzo (La7) dal giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, che aggiunge: “In bocca al lupo a Emilio Carelli, ma io sono troppo battitore libero”. Scanzi, impegnato attualmente col tour Renzusconi, lo spettacolo teatrale adattato al suo ultimo libro, dibatte, assieme al giornalista de Il Corriere della Sera, Massimo Franco, sulla candidatura dell’ex direttore di Sky Tg24, Emilio Carelli, nel M5S. Quest’ultimo sottolinea che l’obiettivo indubbio del movimento è quello di vincere le elezioni e di andare al governo. “Forse per la prima volta, da osservatori, ci rendiamo conto che il M5S vuol vincere – osserva Scanzi – Abbiamo sempre detto che, tutto sommato, al M5S conviene stare all’opposizione, però mi sembra che dalle ultime scelte, da certe dichiarazioni, dall’apertura alla società civile si evinca che loro vogliono veramente vincere. Poi, da qui a farcela, ci passa un mondo, però mi sembra che non giochino più di rimessa”. In merito alle salate multe che le nuove regole interne al M5S prevede per i cambia-casacca, il giornalista sottolinea: “E’ indubbio che il problema esista. Questa legislatura ha avuto più di 550 voltagabbana. Noi siamo comunque il Paese degli Scilipoti, dei Razzi, dei Gennaro Migliore, e anche nel M5S ci sono stati casi di persone che da un giorno all’altro sono andate alla Lega o sono diventate renziane. Però la decisione di multare sembra più una manovra elettorale, perché alla fine non si può fare. C’è l’articolo 67 della Costituzione che dice che questa regola non si può applicare, perché il vincolo di mandato non c’è allo stato attuale”. “Io credo che rientri più in una sorta di accordo che viene fatto coi candidati”, risponde Carelli. “E’ una risposta sbagliata a un problema giusto”, commenta Franco

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi e Marchionne, l’amore ai tempi del potere: l’idillio filogovernativo è durato quanto il consenso dell’ex premier

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Carelli (M5s): “Grillo non ama giornalisti? Usa frasi forti perché comico. Stampa non sempre corretta con lui”

next