Damiano dei Maneskin (gruppo che ha partecipato all’ultima edizione di X Factor con un certo successo) si è fatto un tatuaggio che ha scatenato molte polemiche sui social. Perché il “nostro” ha deciso di ritrarsi in modo simile, molto simile, a Gesù Cristo. E la cosa non è piaciuta molto agli utenti Instagram: “È oggettivo che un tatuaggio del genere non sta né in cielo né in terra – scrive un utente – Tatuarsi Gesù Cristo con il proprio volto significa stravolgere tutto il significato che sta dietro quel gesto. È un insulto per tutti i valori che racchiude. Oltre al fatto che implica mettersi sullo stesso piano del figlio di Dio. Ti pare una cosa normale? Una persona che pensa di poter essere alla pari o di potersi anche solo lontanamente paragonare, questo suscita il Disgusto”.

Molti i commenti su questa falsariga, ma c’è anche chi non ha legato il gesto a un’offesa per la religione cattolica ma ‘solo’ all’ego smisurato del cantante: “DAMIANO torna con i piedi per terra perché è evidente che tu ti sia già montato troppo la testa! Consiglio spassionato. Hai solo 19 anni ma se continui così ti brucerai molto presto!”, scrive qualcuno. Pronta la reazione del giovanissimo Damiano: “Non sono solito rispondere alle critiche ma oggi è d’obbligo. Voglio solo specificare che il mio tatuaggio non intende offendere né tantomeno mancare di rispetto a nessuno. Non sento di dovere spiegazioni, ma state certi che mai diffonderò messaggi d’odio, tutt’altro. Detto questo se vorrete sapere qualcosa, basterà rivolgersi con educazione, come ho sempre ho fatto anche io con tutti voi. Più libertà per tutti amici miei, vi amo sempre! »

La mia visione @annatwiggytattooist grazie❤

Un post condiviso da Damiano David/Måneskin (@ykaaar) in data:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morgan vs Ermal Meta, polemica social. Meta: “Anche se mi definisci ‘merdal’ sono orgoglioso di me”. E Morgan replica

next
Articolo Successivo

Fiorello torna in radio: ecco quando (e dove)

next