“Era uno scherzo, non l’abbiamo fatto apposta”: si sono giustificati così i due ragazzi accusati dell’omicidio di un senzatetto trovato morto carbonizzato nell’incendio della sua auto il 19 dicembre scorso, a Santa Maria di Zevio, nel Veronese.

I due avrebbero lanciato dei petardi contro l’auto di Ahamed Fdil, un marocchino di 64 anni, incendiandola. L’uomo aveva fatto della macchina la propria casa dopo essere rimasto senza lavoro e non è riuscito a sfuggire alle fiamme. Le indagini della polizia sono ancora in corso e sul caso indaga la procura di Verona, che ora dovrà decidere come procedere nei confronti dei ragazzi di 13 e 17 anni. Data la giovane età, il tredicenne non è infatti imputabile.

Inizialmente si era pensato ad un evento accidentale, ma gli inquirenti hanno poi scartato questa ipotesi supportati dalle testimonianze degli abitanti della zona, secondo cui il clochard era divenuto l’obiettivo di un gruppo di bulli. I ragazzi, a detta dei residenti, non perdevano occasione per infastidirlo, tirando anche piccoli botti verso la sua vettura. A indirizzare le indagini verso i due giovani di origini straniere sarebbero state anche le immagini delle telecamere di sicurezza che li hanno ripresi mentre lanciavano petardi contro l’auto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bitonto, si pente il giovane ferito nell’agguato nel quale morì una donna innocente: trasferito in località protetta

prev
Articolo Successivo

Mantova, ucciso con una coltellata al cuore sul ponte di San Giorgio

next