Dopo l’avvio della procedura di licenziamento di 497 dipendenti su 537, i lavoratori della Embraco di Riva di Chieri – azienda del gruppo Whirlpool Usa – sono tornati sul piede di guerra. Questa mattina i lavoratori hanno bloccato le strade intorno allo stabilimento: “Il mio primo pensiero è per mia figlia di 12 anni” racconta Giulia che lavora nell’azienda da oltre vent’anni. Adesso l’azienda avrà 75 giorni di tempo per confermare i licenziamenti anche se la loro volontà appare chiara: “Non si è più investito in questa fabbrica, ma hanno scelto di spostare lo stabilimento in Slovacchia – dichiara il segretario regionale della Fiom Federico Bellono – il problema è che in Italia, a differenza di quanto accade in Francia e Germania, i governi non riescono a difendere gli stabilimenti”.

Nel 2015, dopo la minaccia dello stop delle attività nelle fabbriche di Carinaro (Caserta), Albacina (frazione di Fabriano) e None (Torino) e mesi di trattative, il governo Renzi firmò con Whirlpool Italia un accordo che escludeva chiusure ed esuberi negli stabilimenti della Penisola. Embraco fa però capo alla filiale statunitense del gruppo, che quell’intesa non l’ha sottoscritta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lavoro, Fornero batte Jobs Act: dal 2008 saliti di 2,8 milioni gli occupati over 50. Gli altri sono calati di 2,7 milioni

prev
Articolo Successivo

Ideal Standard, lavoratori in presidio davanti al Mise. Contestato Grasso: “Vattene”. Lui: “Qui per dare solidarietà”

next