Roberto Fedeli ha una gran voglia di parlare del futuro di Alfa Romeo: qualche giorno fa il responsabile tecnico del marchio italiano aveva raccontato ai cronisti inglesi che il prossimo modello ad arrivare nella gamma del biscione sarà un suv di grandi dimensioni.

Ideato per fare concorrenza a Porsche Cayenne, promuovere immagine e profitti della marca, il nuovo sport utility sarà probabilmente presentato a fine 2019: porterà al debutto un inedito sistema di propulsione mild hybrid da circa 400 Cv di potenza massima, costituito da un quattro cilindri 2.0 turbo e da un motore elettrico. Primo passo nel processo di elettrificazione del brand.

“Per completare l’offerta di prodotti Alfa Romeo, abbiamo bisogno di un altro paio di ‘pilastri’, qualcosa nel segmento C e dopo, ovviamente, un prodotto molto sportivo”: ha nuovamente ribadito Fedeli ad AutoExpress, specificando tuttavia che il segmento delle medie ha un respiro solo regionale (cioè europeo, ndr) e con margini molto risicati. Per questo quel “qualcosa nel segmento C”, potrebbe riferirsi a uno sport utility di dimensioni contenute, sulla falsa riga di Audi Q3 e BMW X2, e non necessariamente a un prodotto simile all’attuale Giulietta.

Resta poi un dubbio importante da sciogliere, quello sulla piattaforma costruttiva del mezzo: proprio a causa delle basse marginalità, non è scontato che la nuova compatta adoperi la stessa base tecnica di Giulia e Stelvio, dotata della costosa trazione posteriore e di sospensioni molto sofisticate. In ogni caso ci sarà tempo per pensarci perché, nella migliore delle ipotesi, l’auto non arriverà prima del 2020/2021.

E poi c’è il modello “molto sportivo”: Alfa Romeo si sta preparando ad aggiornare la leggerissima 4C (dotata di monoscocca in fibra di carbonio) a fine 2018 per farla rimanere sul mercato perlomeno altri 4 o 5 anni. Successivamente la 4C potrebbe essere rimpiazzata da una vettura con architettura costruttiva e motore inediti: caratteristiche tecniche che ne cambierebbero il posizionamento attuale, lo stesso di alcune proposte Lotus e della Alpine A110. L’unica certezza è che la 4C continuerà anche in futuro ad essere disponibile nella sola variante con trasmissione automatica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mercato auto Europa, in crescita anche nel 2018. Ma l’UK è frenato dalla Brexit

prev
Articolo Successivo

Mercato auto, in Italia sfiorati i due milioni di immatricolazioni nel 2017

next