Sono più di cinquanta, tra italiani e migranti. Arrivano dalla Nigeria, dal Ghana, dal Marocco. Ma anche dalle case pericolanti del centro storico di Cosenza. Sono i senza casa che ieri, per far fronte al freddo, hanno occupato l’hotel Centrale, in via Giacomo Mancini, forzando la porta di una struttura sigillata da anni. A sostenerli il comitato Prendocasa di Cosenza, alle sesta occupazione multiculturale. “L’amministrazione comunale, l’anno scorso, per far fronte all’emergenza freddo aveva messo a disposizione dei senza casa alcuni container “, ci dicono. “Quest’anno, invece, non c’è nulla. E noi ci sentiamo in dovere di aiutare chi dorme per strada o è sotto sfratto”

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diritti umani, la conquista del 2017: ‘Fermare l’immigrazione’ è uno slogan della sinistra

next
Articolo Successivo

Costituzione 70 anni dopo: dal lavoro alla giustizia sociale fino all’economia, la nostra Carta tradita dalla politica

next