Sono più di cinquanta, tra italiani e migranti. Arrivano dalla Nigeria, dal Ghana, dal Marocco. Ma anche dalle case pericolanti del centro storico di Cosenza. Sono i senza casa che ieri, per far fronte al freddo, hanno occupato l’hotel Centrale, in via Giacomo Mancini, forzando la porta di una struttura sigillata da anni. A sostenerli il comitato Prendocasa di Cosenza, alle sesta occupazione multiculturale. “L’amministrazione comunale, l’anno scorso, per far fronte all’emergenza freddo aveva messo a disposizione dei senza casa alcuni container “, ci dicono. “Quest’anno, invece, non c’è nulla. E noi ci sentiamo in dovere di aiutare chi dorme per strada o è sotto sfratto”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diritti umani, la conquista del 2017: ‘Fermare l’immigrazione’ è uno slogan della sinistra

next
Articolo Successivo

Costituzione 70 anni dopo: dal lavoro alla giustizia sociale fino all’economia, la nostra Carta tradita dalla politica

next