È stata restituita ai cittadini bolognesi la fontana del Nettuno del Giambologna dopo un restauro costato un milione di euro. Inaugurata nel 1566, da anni la fontana era muta e senz’acqua. Come ha ricordato il sindaco, Virginio Merola, si tratta del “monumento che più di tutti rappresenta la bolognesità”, collocato tra Palazzo d’Accursio e Palazzo Re Enzo. Il restauro, cominciato a giugno 2016, è stato realizzato con un gruppo di lavoro tra Università, Istituto del restauro di Roma, Soprintendenza, Istituzione musei. Una raccolta fondi ha permesso di aggiungere 550mila euro ai 450mila stanziati dal Comune

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, corridoio umanitario dalla Libia: sbarcati i primi 160. Saranno ospitati da strutture Cei. Minniti: “Giorno storico”

next
Articolo Successivo

Natale, libri sotto l’albero? Alcuni suggerimenti per tutti

next