È stata restituita ai cittadini bolognesi la fontana del Nettuno del Giambologna dopo un restauro costato un milione di euro. Inaugurata nel 1566, da anni la fontana era muta e senz’acqua. Come ha ricordato il sindaco, Virginio Merola, si tratta del “monumento che più di tutti rappresenta la bolognesità”, collocato tra Palazzo d’Accursio e Palazzo Re Enzo. Il restauro, cominciato a giugno 2016, è stato realizzato con un gruppo di lavoro tra Università, Istituto del restauro di Roma, Soprintendenza, Istituzione musei. Una raccolta fondi ha permesso di aggiungere 550mila euro ai 450mila stanziati dal Comune

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, corridoio umanitario dalla Libia: sbarcati i primi 160. Saranno ospitati da strutture Cei. Minniti: “Giorno storico”

next
Articolo Successivo

Natale, libri sotto l’albero? Alcuni suggerimenti per tutti

next