È una delle saghe più popolari di sempre ma anche una password tra le più usate. Stiamo parlando di Star Wars, che proprio in questi giorni è al cinema con l’ottavo film Gli ultimi Jedi. E se anche voi avete messo Luke Skywalker e Obi-Wan Kenobi a guardia del vostro computer, sappiate che è meglio cambiare. A dirlo è SplashData, che ha stilato la classifica delle password più gettonate del 2017: quelle talmente prevedibili da semplificare la vita a ladri di identità e cybercriminali, ma anche a partner gelosi e parenti impiccioni. Per realizzare la  Top 100 worst password of 2017, l’azienda ha analizzato oltre cinque milioni di password svelate quest’anno negli Stati Uniti e in Europa.

Ai primi posti della classifica troviamo sempre “123456” e “password“, talmente banali da spalancare la porta non solo agli hacker ma anche a semplici amici o parenti curiosi. Perché ormai si sa che quando si tratta di scegliere una combinazione segreta per proteggere e-mail, conto bancario, foto private e documenti seri, gli internauti non brillano certo per fantasia. I numeri, ad esempio, vanno molto di moda. Così come il proprio nome o quello della fidanzata/o: tra i nomi di battesimo più digitati, in classifica troviamo al trentunesimo posto Robert, poi Jordan, Daniel e Andrew.  Ma c’è anche chi pensa di essere furbo e usa le parole più comuni, ma ritoccate come “passw0rd“,con lo zero al posto della “o”, che si piazza al diciannovesimo posto. “Gli hacker conoscono i vostri trucchi: la semplice modifica di una password facile da indovinare non la rende sicura“, avverte il Ceo di SplashData, Morgan Slain.

Tra le “new entry”, cioè le parole che sono entrate per la prima volta quest’anno in classifica, la prima è “letmein” (fammi entrare), in settima posizione, seguita da “iloveyou” (ti amo) in decima. Tra le password che peggio proteggono i nostri account, il primo sport che si trova è il football, al nono posto. La prima squadra sono i Lakers e il primo e unico giocatore è l’ex cestista Michael Jordan, ricordato nella parola chiave “jordan23” (23 era il numero di maglia). Il mezzo di trasporto più gettonato è la Harley Davidson, mentre su quattro ruote la Ferrari, che batte la Mercedes. Il primo cibo, invece, è il formaggio. Molto presenti nella classifica, dove non mancano parolacce e parti anatomiche o combinazioni senza senso come “aaaaaa” e “blahblah”.
Niente di tutto ciò è sicuro. “Gli hacker – spiega Slain – usano termini comuni come quelli dello sport per entrare negli account: sanno che la gente li usa perché sono parole facili da ricordare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elena Santarelli e Bernardo Corradi, il figlio è gravemente malato: “Quella diagnosi che non vorresti mai sentire”

prev
Articolo Successivo

Biscotto!, il libro di Christian Vieler racconta una “relazione” molto particolare…

next