La Corte costituzionale ha detto sì al conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato riguardo all’obbligo della polizia giudiziaria di riferire alla propria scala gerarchica sulle indagini in corso.  Secondo quanto riferisce l’ufficio stampa della Consulta, nelle prossime settimane sarà fissata l’udienza per la trattazione del conflitto nel merito. La Corte costituzionale – si legge nella nota – ha “dichiarato ammissibile, in sede preliminare, il conflitto di attribuzioni sollevato dal Procuratore della Repubblica di Bari nei confronti del Governo con riferimento alla norma del decreto legislativo n. 177/2016″.  La norma contestata stabilisce che, a seguito di apposite istruzioni, la polizia giudiziaria trasmetta alla propria scala gerarchica “le notizie relative all’inoltro delle informative di reato all’autorità giudiziaria indipendentemente dagli obblighi prescritti dalle norme del Codice di procedura penale“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roberto Spada, chiusa l’inchiesta per l’aggressione a giornalista. Resta l’aggravante mafiosa

next
Articolo Successivo

Camorra, ergastolo ai killer del 17enne Genny Cesarano: 16 anni al boss pentito

next