Radicali e promotori della lista “+Europa” si sono riuniti per un sit-in di fronte a Palazzo Chigi per chiedere una norma che modifichi le regole sulla raccolta firme per presentarsi alle elezioni, rendendole “uguale per tutti”. “L’attuale legge elettorale è scritta da chi è in Parlamento per restarci e impedire a chi oggi non siede tra Camera e Senato di presentarsi. Il motivo? Una nuova lista oggi non presente in Parlamento “non gode di una esenzione come tutte le altre, deve raccogliere firme in ogni collegio”, ha spiegato Riccardo Magi, segretario dei Radicali italiani. E tutto dovrà essere completato in poco tempo, in pieno inverno. Senza contare che i collegi, ha precisato Magi, “non sono al momento definitivi”. “Così è impossibile, in un mese circa, tra dicembre e gennaio, bisognerà raccogliere 50mila firme in 63 collegi, dalla Valle d’Aosta a Bagheria, con tanto di autenticatore e metà del Paese sotto la neve”, ha aggiunto Emma Bonino. Per poi aggiungere: “Alleanze con il Pd? Questo viene dopo, noi le firme comunque le dobbiamo raccogliere”. La richiesta di +Europa è quella di “una norma  che – come ha spiegato Benedetto Della Vedova – “consenta di giocare con regole quantomeno simili”. Un incontro è previsto giovedì prossimo con Gentiloni, ma il tempo stringe. “Se non cambia il nostro rapporto con il Pd è in discussione? Più che altro il rapporto politico tra governo e cittadini”, ha tagliato corto Emma Bonino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Io militante Pd, vi dico: Grasso leader della sinistra? Dimissioni subito

next
Articolo Successivo

Etruria, ascoltare Ghizzoni in commissione? Scontro Pd-M5s: “Marginale e irrilevante”, “Lo chiederemo, è fondamentale”

next