“Condotta discriminatoria”. A commetterla, secondo i giudici del Tribunale di Bergamo, sarebbe l’Inps se in fase di erogazione del bonus mamma domani istituito con la manovra 2017 e fresco di rinnovo, non applica parità di trattamento tra genitori italiani e genitori stranieri. La legge 232 aveva infatti introdotto il premio di 800 euro a favore di tutte le mamme almeno al settimo mese di gravidanza tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2017, senza nulla distinguere in tema di nazionalità delle beneficiate.

L’istituto previdenziale, poi, con una semplice circolare aveva ritenuto di poter escludere le mamme straniere prive di permesso di soggiorno di lungo periodo. La questione, come riferisce il Corriere della Sera in edicola il primo dicembre, è finita sul tavolo del Tribunale di Bergamo,  che ha dato ragione a 24 madri provenienti da Egitto, Marocco, Senegal, Pakistan, Ecuador, Bolivia, India, Burkina Faso, Tunisia, Albania, Costa d’Avorio, Nigeria, residenti da anni in Italia con figli tutti nati in provincia della cittadina lombarda.

La corte, spiega il quotidiano milanese, “ha stabilito che escluderle dal beneficio degli 800 euro contrasta non soltanto con il testo della legge italiana, ma anche con la direttiva 2011/98 dell’Unione Europea che assicura la parità di trattamento nell’accesso alle prestazioni di maternità a tutti i migranti titolari di un permesso per famiglia o per lavoro”.  Da qui la condanna del giudice del Lavoro Sergio Cassia a “cessare la condotta discriminatoria”, versando i bonus negati con gli interessi oltre a 3mila euro di spese.

La sentenza, ricorda quindi il Corsera, dovrebbe impattare anche sul bonus bebè in via di ridefinizione proprio in queste ore. I giudici bergamaschi ricordano infatti che l’articolo 12 della direttiva 2011/98/UE, “non recepito nel nostro ordinamento nonostante la scadenza dei termini, stabilisce che i cittadini di Paesi terzi, ai quali è consentito lavorare e in possesso di un permesso di soggiorno, beneficiano dello stesso trattamento riservato ai cittadini dello Stato in cui soggiornano per quanto concerne i settori della sicurezza sociale, quale appunto il sostegno alla maternità”. La disposizione “ha efficacia diretta nell’ordinamento interno, in quanto chiara e incondizionata: ne consegue che tutti gli organi dello Stato hanno l’obbligo di applicarla direttamente e ogni disposizione nazionale contrastante, gerarchicamente subordinata, deve essere disapplicata”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Livorno, gara per mega-darsena del porto deserta per un anno e mezzo. Regione rifà tutto, M5s: “Avevamo ragione noi”

next
Articolo Successivo

Reddito di inclusione, al via le domande: ecco a chi spetta il sussidio contro la povertà – LA SCHEDA

next