Non c’è Natale senza Christian De Sica e le sue “vacanze da qualche parte”, Nilo o Cortina che sia. Stavolta però il “nostro” ha deciso di strafare e esce nientepopodimeno che con un disco, di Natale. Il titolo è di quelli da restarci secchi, lo leggi e ti ritrovi lì con un ghigno che forse è una paresi, forse un leggero sorriso indotto da anni di gag cinematografiche piantate in testa, sicuramente non una risata. Perché “Merry Christian” è la summa di tutte le “vanzinate” viste in anni e anni di cinepanettoni ma declinata nella sua variante più trash. Il disco, va da sé, è un disco di Natale come uno se lo immagina.

Undici pezzi, da “Lacreme napulitane” a “White Christmas” che, siori e siore, è diventata  “White Christian“. Insomma, un’operazione commerciale che renderà il Natale più vanziniano che mai. E non solo, se si pensa che l’unica “colpa di De Sica è stata anticipare il discorso di Prince, di Madonna…”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Uma Thurman posta una foto di Kill Bill e attacca Weinstein: “Non meriti neanche un proiettile”

next