Almeno cinque morti e diversi feriti: è questo il bilancio provvisorio di una sparatoria avvenuta in una scuola elementare a Rancho Tehama, in California. Il caos è scoppiato intorno alle 8 del mattino, ora locale, nella piccola città che conta appena 3.500 abitanti. L’uomo che ha sparato è stato ucciso dalla polizia. Il killer si chiama Kevin e, secondo quanto riportato dai media locali, era già noto alla polizia: era libero su cauzione per aver accoltellato una donna. I primi colpi sono stati esplosi in un’abitazione ma la sparatoria è poi proseguita nell’istituto scolastico. Un testimone ha raccontato che i colpi sparati sono stati un centinaio. Gli studenti feriti sono stati trasportati in elicottero negli ospedali dell’area.

Secondo una prima ricostruzione fatta dagli inquirenti, alle 7.52 l’assassino ha ucciso la sua prima vittima. Poi in auto si è diretto verso il centro città, sparando a sangue freddo ad una donna e alla figlia in un’auto che gli passava vicino. Cosa lo abbia spinto fino alla scuola non è ancora chiaro, ma è lì che si è scatenato il panico.  Complessivamente la polizia sta indagando in sette diverse scene del crimine e non esclude per questo che il bilancio dei morti possa salire. Uno dei vicini di casa del killer, Brian Flynt, riferisce che da qualche tempo l’uomo aveva iniziato a comportarsi in modo strano e avrebbe anche rubato il camioncino del suo compagno di appartamento.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Russiagate, messaggi tra Wikileaks e Trump jr in campagna elettorale. E il tycoon twittò su Podesta 15 minuti dopo la richiesta di Assange

prev
Articolo Successivo

Migranti, Giudetti (Sea Watch): “Ho visto le violenze dei libici, non posso tacere. Quelle navi le abbiamo pagate noi”

next