La nuova caporetto italiana finisce in prima pagina su tutti i principali quotidiani sportivi mondiali. Se per la Marca un mondiale senza Italia è “incredibile”, i francesi de L’Equipe giudicano la sconfitta “Un fiasco storico!”. Sconfitta che si prende anche l’apertura della sezione sportiva della Bild, il principale giornale tedesco: “Un terremoto. Peccato per il mondiale, ma meglio per noi”. Spazio anche all’ultima di Buffon, che ha salutato in lacrime la Nazionale dopo 175 presenze e una coppa del mondo. L’uscita dell’Italia arriva anche oltreoceano. “Un giorno tristissimo” è il titolo di Olé, sito argentino. Mentre in Svezia, il passaggio del turno è “Un miracolo a Milano“.

In Italia, l’eliminazione prende ovviamente tutte le prime pagine nazionali. Inequivocabile l’apertura del Tempo: “Andate a lavorare”, con la foto di una vanga sbattuta in prima pagina. Per la Gazzetta è la “Fine“. In caratteri cubitali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia-Svezia 0-0, Tavecchio: ‘Domani incontro per decidere’. Malagò: ‘Fossi in lui mi dimetterei’. Lotti: ‘Rifondare tutto’

next
Articolo Successivo

Italia-Svezia, da Pak Doo Ik a Kalusha Bwalya fino a Johansson: dal ’58 a oggi, tutte le figuracce azzurre

next