Lo scandalo molestie travolge anche il mondo del calcio. E tocca l’ex numero uno della Fifa, Sepp Blatter, finire nell’occhio del ciclone. Il boss del pallone – spazzato via due anni fa dalle accuse di corruzione – è accusato dall’ex portiere della nazionale Usa Hope Amelia Solo: “Mi ha messo una mano sui glutei durante la cerimonia del Pallone d’oro 2013, poco prima di salire sul palco”, ha raccontato il due volte oro olimpico e campionessa del mondo nel 2011.

L’ex calciatrice, una delle icone del football femminile con 202 presenze nella nazionale a stelle e strisce, ha raccontato l’episodio al quotidiano portoghese Expresso e lo ha poi confermato all’Ap. Blatter, invece, si è difeso dalle colonne del The Guardian: “Accuse ridicole”, ha detto al giornale inglese.

Trentasei anni, italiana d’origine, Hope Solo ha in passato subito altre violenze in famiglia ed è uscita dal giro dopo i Giochi olimpici di Rio: gli Stati Uniti vennero eliminati dalla Svezia e lei si sfogò definendo “codarde” le avversarie per la loro tattica difensivista. Sospesa dalla sua federazione, non ha più difeso la porta della nazionale.