Un uomo si è lanciato “in maniera deliberata” con la sua auto contro un gruppo di giovani cinesi nei pressi del campus di Blagnac, vicino a Tolosa, in Francia. Secondo quanto riferisce BFM-TV ci sono 3 feriti, di cui 2 gravi. Le condizioni più critiche sono quelle di una ragazza di 23 anni, gli altri feriti sono un coetaneo e una studentessa di 22: uno di loro ha riportato fratture agli arti inferiori, due invece hanno un trauma cranico. Nessuno di loro è in pericolo di vita.

Gli studenti sono stati falciati mentre attraversavano la strada su un passaggio pedonale per raggiungere la fermata dell’autobus di fronte al campus. Il conducente, 28 anni, è stato fermato poco dopo senza “particolari problemi” e ha detto di aver agito deliberatamente e di “aver ricevuto ordini”. L’uomo non è schedato con la lettera ‘S’ assegnata dalle autorità francesi agli individui a rischio radicalizzazione ma è già noto alla polizia per piccoli reati legati allo spaccio di stupefacenti.

Il quotidiano locale La Depeche du Midi scrive che il ragazzo avrebbe riferito di “aver sentito delle voci che gli hanno detto di far del male a qualcuno” e, sempre secondo la stessa fonte, soffrirebbe di schizofrenia acutaNel marzo 2012 a Tolosa, Mohamed Merah uccise 7 persone, fra le quali tre bambini ebrei all’interno di una scuola. Il terrorista venne arrestato dopo un blitz durato 30 ore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brexit, May fissa data e ora: “29 marzo 2019, ore 23”. La premier in difficoltà prova a sedare la rivolta dei Tory filo-Ue

prev
Articolo Successivo

Migranti, la testimonianza: “Il 6 novembre ho visto gente che annegava mentre i guardacoste libici andavano via”

next