Per immaginare e costruire la Lamborghini del futuro quelli di S.Agata Bolognese hanno pensato a un partner di assoluto prestigio: ovvero gli scienziati del MIT, Massachusetts Institute of Technology. Il risultato è un prototipo dal nome profetico di Terzo Millennio, che sfrutta la fibra di carbonio e le nanotecnologie per la carrozzeria, ed è ovviamente spinto dalla propulsione a batteria. La soluzione più plausibile, da questo punto di vista, è quella di inserire i motori elettrici direttamente nelle quattro ruote. Il problema è (sarà) quello di avere un quantitativo monstre di energia a disposizione, per mantenere l’elevatissimo livello prestazionale di una Lambo d’ordinanza. Per fare questo, nei prossimi anni a S.Agata svilupperanno una tecnologia in grado di sfruttare i nanomateriali di cui sopra per trasformare il corpo vettura dell’auto in un grande “batteria”.  In pratica, verranno inserite superfici a nanocariche nei materiali in fibra di carbonio della scocca, usandoli come accumulatori e rendendo l’intera carrozzeria un grande sistema di stoccaggio d’energia. E già che ci sono penseranno anche a come sostituire artificialmente il rombo possente dell’attuale V12, operazione tutt’altro che semplice. Ma c’è tempo, perché una Lambo del genere non la vedremo su strada prima di una quindicina d’anni.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vespa elettrica, l’icona del made in Italy su due ruote guarda al futuro

prev
Articolo Successivo

Maserati e Giovanni Soldini, è caccia al record sulla Hong-Kong-Londra – FOTO e VIDEO

next