Oltre 6.600 chilometri e 147 snodi (dove è possibile cambiare tragitto come sulla Metro) mappati. Si va dai percorsi dedicati ai santi, come i cammini francescani, lauretani e benedettini, a quelli sulle orme dei briganti attraverso l’Aspromonte. E poi il cammino di Dante, nei luoghi dove scrisse la Divina Commedia, e il sentiero della Pace che ripercorre le memorie della Grande Guerra. E ancora la via Appia, la Francigena, la via degli Dei, San Vicinio, la via degli Abati e il Sentiero Durer.

Tutto consultabile su l’Atlante digitale dei cammini, prima mappatura mai realizzata che raccoglie percorsi da affrontare a piedi (ma anche in bici, a cavallo), per un’immersione totale in quel patrimonio diffuso fatto di arte, buon cibo, paesaggio e spiritualità. “Abbiamo deciso di non fare nulla da soli, ma in collaborazione con le altre istituzioni – ha spiegato il direttore generale del turismo del Mibact, Francesco Palumbo – Per ora i cammini inseriti sono 41, ovvero quelli che rispondevano a 11 requisiti standard’’, dalla messa in sicurezza ai sevizi di ristorazione, raggiungibilità con i trasporti e georeferenzialità.

Nel corso della presentazione dell’Atlante, il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini ha evidenziato come l’Italia sempre più meta di un turismo “scelto” e consapevole. Di chi viene “conoscendo la storia del nostro paese, cercando eccellenze e bellezza”. Anche per difendersi dalle masse “mordi e fuggi” che rischiano invece di travolgere città, patrimoni, paesaggi. E allora, dopo il 2016 anno dei Cammini (qui la Giornata del camminare), il 2017 anno dei Borghi e il 2018 anno del Cibo, “il 2019 sarà l’anno nazionale del turismo lento“.

“Nei prossimi anni – ha detto Franceschini – il turismo internazionale crescerà enormemente, perché ci sono paesi che per la prima volta stanno immettendo milioni di nuovi viaggiatori nel mondo. E tutti hanno l’Italia tra le mete da sogno. O cerchiamo di governare questa crescita o rischiamo di essere travolti”. A dimostrarlo, anche il fatto “che prima era solo Venezia” ad avere problemi di sovraffollamento. “Oggi a quel tavolo sono sedute 5 città”. Sul portale, online già da oggi in italiano e inglese, anche gallerie multimediali, schede concordate con le Regioni e link alle pagine ufficiali di ogni cammino.

(Fonte immagine)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pranzare da zio Peppino nell’era dei social network

next
Articolo Successivo

Una Milano più lenta? Qualche idea per realizzarla davvero

next