Nuove accuse per il due volte premio Oscar Kevin Spacey. I guai per l’attore, interprete di memorabili ruoli nel cinema e a teatro, non finiscono più. Netflix ha annunciato di aver rotto qualsiasi legame dopo le accuse di molestie, e ha precisato di non voler continuare la serie House of Cards se includerà l’attore. “Continueremo a lavorare con Mrc (la casa di produzione Media Rights Capital) durante questa interruzione – si legge ancora nella nota – per studiare un nuovo percorso creativo per lo show“. Nel frattempo, mentre prosegue l’inchiesta in corso Spacey è stato sospeso” fa sapere Mrc.

In queste ore un altro attore lo accusa apertamente di pedofilia. L’uomo, che ha 48 anni ma all’epoca dei fatti ne aveva 14, e intervistato da Vulture, non dice il suo nome perché ha ricominciato una nuova vita ma racconta nel dettaglio quella che è stata una relazione sessuale sfociata, a suo dire, in un tentativo di stupro. Spacey era il suo insegnante, ma il ragazzo aveva solo 12 anni. Due anni dopo l’incontro e l’invito a casa: “Lo chiamai il giorno seguente, mi disse che era innamorato di me e voleva vedermi. Ci incontrammo nel suo appartamento in affitto nell’Upper West Side… In seguito mi sentii frastornato. Rimasi con lui un paio d’ore in tutto. Ci incontrammo altre tre o quattro volte, sempre proclamando di amarci. Mi diceva che alcuni produttori erano interessati a me come attore e che intendeva procurarmi delle audizioni. Professionalmente, non accadde mai niente. A 15 anni lo chiamai da una cabina, si era trasferito in un altro appartamento, nella stessa zona. Avevo un quarto d’ora a disposizione, prima di incontrare a cena i miei genitori. Mi invitò a casa, pensavo ci saremmo solo baciati e abbracciati ma lui voleva fare sesso“. L’uomo racconta del tentativo di stupro: Riuscii a sventarlo. Mi sentii tradito, intrappolato. Giorni dopo lo richiamai e non rispose. Un anno dopo lui era a teatro e lo ricontattai. Ne ero ossessionato. Mi diede un appuntamento ma alla fine rinunciai. Non lo vidi più”.

L’uomo non aveva mai raccontato a nessuno quello che era accaduto: “Non lo dissi ai miei, solo a qualche amico. Ma lui aveva cominciato a vincere premi, ero condannato a vedere questa persona sullo schermo per il resto della mia vita. Oggi lo definirei un pedofilo, un predatore sessuale. A 25 anni guardavo i ragazzini 10 anni più piccoli di me ed era disgustoso pensare di fare sesso con loro…”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giuseppe Tornatore accusato di molestie, la sua produttrice lo difende: “Colto e umile, si è sempre comportato da signore”

next
Articolo Successivo

Weinstein, Julianna Marguiles accusa di molestie il produttore e l’attore Steven Seagal

next