“Me lo aspettavo. Sono un ex pornostar che oggi tiene lezioni di Analisi I e di Ingegneria clinica. Mi stupisco anzi che non sia accaduto prima”. Con queste parole Ruggero Freddi, pornostar con il nome Carlo Masi e oggi docente presso La Sapienza di Roma, racconta a Vanity Fair cosa ha provato quando, partendo da alcuni video pubblicati su Facebook dai suoi studenti, in molti sono risaliti al suo passato e si sono interessati alla sua storia.

La sua carriera nel porno è cominciata quando aveva meno di 30 anni. Ruggero proviene da una famiglia umile e quando alcuni ragazzi gay gli hanno chiesto di lavorare con loro non ci ha pensato due volte. L’obiettivo? Guadagnare: “Ho sempre ammirato la signora Ilona Staller, credo sia stato importante quello che lei ha fatto per la società italiana. Mi sono detto che se non avessi accettato sarei stato ipocrita. Questa è stata la risposta morale che mi sono dato”. Tre lauree e una brillante carriera nel porno, Ruggero attira la curiosità dei suoi studenti. Curiosità che gestisce con molto aplomb: “Cerco di essere molto serio, anche in questi giorni in cui si parla della mia storia. Invito i miei studenti a venire a ricevimento per farmi tutte le domande che vogliono ma in aula non lascerei mai la possibilità di avvicinarmi e iniziare discorsi sulla mia vita personale”, racconta ancora ad Alessia Arcolaci su Vanity Fair.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ora solare, stanotte si spostano le lancette. Ecco le cose da sapere

next
Articolo Successivo

Grande Fratello Vip, Belen Rodriguez vs Giulia De Lellis: “E’ scorretta, una furba vera”

next