“Io ho il timore che ci sia un accordo Renzi-Alfano per non affrontare il tema del testamento biologico in parlamento ma spero di essere smentito”. Lo ha detto Marco Cappato, tesoriere dell’associazione “Luca Coscioni“, a margine della presentazione del suo libro “Credere disobbedire combattere” (edito da Rizzoli) tenutasi a Milano. La legge è stata approvata alla Camera lo scorso Aprile e non è ancora approdata in Senato. Il testo è infatti fermo in Commissione Sanità. “L’opinione pubblica è pronta per una legge sull’eutanasia figuriamoci per il testamento biologico – ha aggiunto Cappato – Lo dicono tutti i sondaggi”.  A moderare l’incontro milanese il direttore del Fattoquotidiano.it, Peter Gomez. “In parlamento c’è chi rema contro questa legge – ha affermato il giornalista -. Una piccola parte guarda al suo elettorato ormai minoritario. C’è poi un’altra grossa parte, invece, che preferisce non affrontare questo tipo di argomenti per le polemiche legate ad alcuni poteri di questo Stato a partire di quello della Chiesa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Biotestamento, 27 sindaci firmano l’appello al Senato: “Approvatelo subito”. Anche Raggi, Appendino e Sala

next
Articolo Successivo

‘L’Italia che non c’era’ di Monica Cirinnà, perché leggere questo libro

next