Il direttore dell’Espresso Tommaso Cerno assumerà la condirezione di Repubblica dal prossimo 25 ottobre. Lo ha comunicato Gedi – Gruppo Editoriale, editore del quotidiano, che ha approvato il progetto di riforma presentato dal direttore Mario Calabresi per il rinnovamento di Repubblica nella sua edizione cartacea e digitale. Sempre il 25 il consiglio di amministrazione nominerà il nuovo direttore del settimanale Espresso. Secondo Dagospia sarà Massimo Giannini, ex vicedirettore di Repubblica e poi conduttore di Ballarò che dopo la chiusura della trasmissione è tornato a scrivere per il quotidiano romano.

Entro fine anno il quotidiano si presenterà in una veste nuova per “offrire con sempre maggior efficacia al suo pubblico nuove chiavi di lettura e di approfondimento e si arricchirà, nella sua declinazione digitale, di una nuova applicazione con contenuti originali a pagamento”, si legge nella nota. In questo contesto arriva la nomina di Cerno, che negli ultimi 15 mesi ha diretto “con successo” L’Espresso “rafforzandone il prestigio e l’autorevolezza” e ora “coadiuverà” il direttore Mario Calabresi in un momento di importante innovazione del quotidiano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tv, calano risorse e ascolti. Solo la Rai può fare un favore al mercato

prev
Articolo Successivo

Casapound mi invita, io ‘me ne frego’ e non ci vado

next