Il direttore dell’Espresso Tommaso Cerno assumerà la condirezione di Repubblica dal prossimo 25 ottobre. Lo ha comunicato Gedi – Gruppo Editoriale, editore del quotidiano, che ha approvato il progetto di riforma presentato dal direttore Mario Calabresi per il rinnovamento di Repubblica nella sua edizione cartacea e digitale. Sempre il 25 il consiglio di amministrazione nominerà il nuovo direttore del settimanale Espresso. Secondo Dagospia sarà Massimo Giannini, ex vicedirettore di Repubblica e poi conduttore di Ballarò che dopo la chiusura della trasmissione è tornato a scrivere per il quotidiano romano.

Entro fine anno il quotidiano si presenterà in una veste nuova per “offrire con sempre maggior efficacia al suo pubblico nuove chiavi di lettura e di approfondimento e si arricchirà, nella sua declinazione digitale, di una nuova applicazione con contenuti originali a pagamento”, si legge nella nota. In questo contesto arriva la nomina di Cerno, che negli ultimi 15 mesi ha diretto “con successo” L’Espresso “rafforzandone il prestigio e l’autorevolezza” e ora “coadiuverà” il direttore Mario Calabresi in un momento di importante innovazione del quotidiano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tv, calano risorse e ascolti. Solo la Rai può fare un favore al mercato

next
Articolo Successivo

Casapound mi invita, io ‘me ne frego’ e non ci vado

next