“Purtroppo con la polemica di oggi raccogliamo i frutti di tutto ciò che di deleterio ha provocato la scissione del Pd. L’ostinazione del Mdp nei confronti del Def è di pura matrice politica e nasconde una scelta di tipo politico: l’ostinazione a volersi condannare ad una sinistra di testimonianza. Nelle loro intenzioni c’è la volontà di unirsi a Fratoianni e agli altri del Brancaccio: brave persone, ma all’Italia serve altro. Campo Progressista è nato per un centrosinistra largo: Berlusconi è agguerrito, così si ridà il paese alla destra. La legge elettorale anche a noi non piace neanche un po’, ma ciò non significa che debba andare ad inficiare sull’economia del paese”. Così Bruno Tabacci, deputato di Centro Democratico molto vicino a Giuliano Pisapia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catalogna e Sardegna, cosa accomuna i due movimenti per l’indipendenza

next
Articolo Successivo

Roma, Raggi: “Più poteri”. Calenda: “Si supera la soglia del ridicolo. No a lettere sconclusionate, serve incontro urgente”

next