Questo sì che è un esempio di “diversificazione del business”: dopo che multinazionali come Google e Intel hanno deciso di mettere un piede nell’industria automobilistica, adesso è il turno dell’inglese Dyson, azienda impegnata nella produzione di aspirapolveri e presto anche di vetture a emissioni zero.

Se vi suona strano che una compagnia di elettrodomestici possa di punto in bianco commercializzare una vettura, è perché probabilmente siete ancora troppo legati al concetto odierno di automobile, un oggetto “individuale” spinto da motore endotermico e guidato da persone in carne e ossa. Esattamente il contrario di quella che sarà l’auto del futuro: condivisa col car-sharing, connessa alla rete, dotata di propulsore elettrico e di autopilota. Un elettrodomestico con targa e fanali, appunto.

Dell’interesse della Dyson per gli affari a quattro ruote si rumoreggiava già qualche mese fa ma la compagnia ha ufficializzato solo oggi i suoi piani, tramite l’account Twitter di Sir James Dyson (nella foto) in persona: il primo modello dovrebbe arrivare già nel 2020. Per questo progetto l’azienda ha messo sul tavolo quasi 2,3 miliardi di euro, che serviranno anche a finanziare le 400 persone che vi prenderanno parte, scelte fra le risorse interne alla Dyson e personale esterno esperto in materia di automobilismo.

Al momento non ci sono indicazioni di alcun genere sui prezzi, le dimensioni o il posizionamento commerciale della vettura: la speranza è quella che il risultato finale non sia una specie di aspirapolvere gigante su ruote. Certo è che la Dyson dovrà vedersela con colossi del calibro di Volkwsagen, Daimler, Bmw e Tesla, già ampiamente “avviati” in tema di mobilità elettrica (e autonoma).

Tuttavia, secondo Bloomberg, la marca inglese potrebbe avere un asso nella manica: la tecnologia allo “stato solido” impiegata per le batterie (che sta studiando anche la Toyota). Quest’ultima, rispetto ai comuni accumulatori agli ioni di litio, aumenterebbe l’efficienza energetica, permetterebbe di ridurre ingombri e pesi dei battery-pack, di migliorare la gestione della ricarica e di essere più facilmente riciclabile. Anche se i costruttori tradizionali non rimarranno certo a guardare. Sono aperte le scommesse

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Greenpeace abborda una nave carica di auto Volkswagen. “Il diesel è tossico” – FOTO

next
Articolo Successivo

Auto diesel, quelle a benzina le superano nelle vendite. I costruttori non ci stanno: “Così aumentano le emissioni di CO2”

next