La visita di Mick Jagger alla Galleria dell’Accademia di Firenze per ammirare in solitudine il David di Michelangelo c’è già stata. Per sviare i cronisti, era stata fatta trapelare la data di lunedì, giorno di chiusura settimanale del museo, per il possibile blitz. Ma l’incontro ravvicinato con l’icona della bellezza e la rock star perfetta è già avvenuto.

È stato lo stesso leader dei Rolling Stones, dei quali è in programma stasera il concerto a Lucca per 60 mila spettatori (unica data italiana), a svelare la sua visita segreta, che c’è stata ieri sera dopo la chiusura della galleria al pubblico. Jagger ha pubblicato sul suo profilo Instagram la foto che lo ritrae ai piedi del David con la scritta “Me and David, in Florence”.

La foto mostra Jagger con jeans, maglia, giubbotto e scarpe da ginnastica sotto la statua del David. A fare da guida è stata la direttrice della Galleria, Cecilie Hollberg. Durante la visita durata un’ora, il cantante ha ammirato i numerosi capolavori dell’arte italiana tra il XIII e il XVI secolo. E tante sono le foto che Jagger ha scattato con lo smartphone a sculture e dipinti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, si la voi cantà. Con Piotta al quartiere Africano: “Oggi è più incattivita. Manca il lato umano dei romani”

next
Articolo Successivo

Max Biaggi: “Ho temuto di morire. Vorrei aiutare un giovane italiano a diventare un grande pilota”

next