Era stata premiata come la più bella di tutta la Turchia. Ma la corona da reginetta le è rimasta in testa solo poche ore. Per colpa di un tweet. Solo ieri, giovedì 21 settembre, la 18enne Itir Esen vinceva il titolo di Miss Turchia 2017. Oggi il titolo le è stato revocato, perché gli organizzatori del concorso di bellezza hanno scovato un suo tweet del 15 luglio scorso, in cui la ragazza celebrava ironicamente le 250 vittime del fallito golpe avvenuto un anno prima in Turchia. “Festeggio il giorno dei nostri martiri sanguinando”, ha scritto Esen su Twitter, spiegando che le era venuto il ciclo. Un commento ironico su un episodio su cui, però, il governo di Recep Tayyip Erdogan non permette di scherzare.

“Per l’organizzazione di Miss Turchia, che mira a promuovere il Paese nel mondo e a contribuire alla sua immagine, la condivisione di un commento del genere è inaccettabile“, ha spiegato in una nota il presidente Can Sandikcioglu, sostenendo di aver accertato l’origine del messaggio. Il profilo Twitter della ragazza al momento non è accessibile.

Itir Esen, modella e nipote di una nota attrice turca, ha dovuto cedere la corona alla seconda classificata, la 23enne Asli Sumen. Sarà lei a partecipare al suo posto alle finali di miss Mondo a novembre in Cina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Croazia, rimossi cartelli pubblicitari con Melania Trump e la scritta: “Guarda dove puoi arrivare con un po’ di inglese”

next
Articolo Successivo

Roma, si la voi cantà. Con Piotta al quartiere Africano: “Oggi è più incattivita. Manca il lato umano dei romani”

next