Metti un finanziere renziano e un leghista a Cernobbio. Metti le urne dietro l’angolo e, ancora prima, l’avvicinarsi della fine del Quantitative easing, il piano della Bce di immissione di liquidità nel sistema. Irresistibile la tentazione per Cladio Borghi, responsabile economico della Lega e teorico della rottamazione dei titoli di Stato in mano a Francoforte come via maestra per abbattere il debito pubblico, che in uno dei coffee break del Forum Ambrosetti ingaggia una singolar tenzone con Davide Serra, per portarlo dalla sua: “Ai tuoi investitori che sono preoccupati di riavere lira invece di euro digli che potrebbero avere niente invece di euro”. Irremovibile l’altro, che sottolinea i rischi miliardari degli effetti del dibattito sullo spread. Inutile lo spauracchio paventato dal leghista sul passaggio della Bce in mano tedesca dopo che Draghi avrà concluso il suo mandato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Versiliana 2017, Di Battista: “Regola dei due mandati? Sceglie la rete”

prev
Articolo Successivo

Versiliana 2017, Davigo: ‘L’Italia non ha neanche provato a gestire l’immigrazione’

next