Metti un finanziere renziano e un leghista a Cernobbio. Metti le urne dietro l’angolo e, ancora prima, l’avvicinarsi della fine del Quantitative easing, il piano della Bce di immissione di liquidità nel sistema. Irresistibile la tentazione per Cladio Borghi, responsabile economico della Lega e teorico della rottamazione dei titoli di Stato in mano a Francoforte come via maestra per abbattere il debito pubblico, che in uno dei coffee break del Forum Ambrosetti ingaggia una singolar tenzone con Davide Serra, per portarlo dalla sua: “Ai tuoi investitori che sono preoccupati di riavere lira invece di euro digli che potrebbero avere niente invece di euro”. Irremovibile l’altro, che sottolinea i rischi miliardari degli effetti del dibattito sullo spread. Inutile lo spauracchio paventato dal leghista sul passaggio della Bce in mano tedesca dopo che Draghi avrà concluso il suo mandato

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Versiliana 2017, Di Battista: “Regola dei due mandati? Sceglie la rete”

next
Articolo Successivo

Versiliana 2017, Davigo: ‘L’Italia non ha neanche provato a gestire l’immigrazione’

next